Archivio News

  • Il Sentiero delle Miniere del Blu: trekking in Costa Verde
    Il Sentiero delle Miniere del Blu: trekking in Costa VerdeIn Sardegna, sulla costa sud occidentale, vi attende un trekking unico per la bellezza del paesaggio, il colore cobalto del mare e le testimonianze di archeologia industriale. Si tratta del Sentiero delle Miniere del Blu, un percorso lungo la selvaggia Costa Verde che parte dalla spiagga di Scivu e si snoda verso sud, arrivando fino agli abitati di Nebida e Masua.

    Il trekking è piuttosto lungo, ma se volete farne una parte gestibile in giornata vi suggeriamo il tratto che parte da Buggerru. Proprio sotto il paese si trova l’ingresso della Galleria Henry, a 50 metri sul livello del mare, la più importante opera della grande miniera ottocentesca di Planu Sartu. Dopo le fatiche dell’escursione, arrivati a Masua potrete godervi il meritato riposo sulla spiaggia, con vista sul faraglione del Pan di Zucchero.

    Si tratta di un’esperienza unica per chi decide di trascorrere una vacanza nel sud-ovest della Sardegna: la varietà dei percorsi (dai più semplici ai più impegnativi) permette un approccio a persone di tutte le età ed esperienza, che potranno tutte comunque godere di una vista mozzafiato sul mare più blu d’Italia!

    LEGGI TUTTO

  • Le miniere di Montevecchio, alla scoperta della storia della Sardegna
    Le miniere di Montevecchio, alla scoperta della storia della SardegnaLungo la strada che dal comune di Guspini conduce al borgo di Montevecchio e che scende lentamente fino al mare attraversando il comune di Arbus, è possibile incontrare le strutture minerarie che hanno profondamente segnato la storia di tutto il territorio, testimonianza dell’importante attività estrattiva svolta dall’800 fino alla fine del secolo scorso.

    Montevecchio infatti, fa parte del Parco Geominerario Storico e Ambientale della Sardegna, il quale raggruppa sotto un’unica bandiera la ricca tradizione mineraria dell’isola, oggi fruibile anche dal punto di vista turistico, e si contraddistingue per le sue peculiarità ambientali, geologiche e biologiche.

    Leggendo le informazioni contenute sul sito www.minieramontevecchio.it scopriamo infatti che le attività estrattive, in 150 anni di storia, hanno modellato il paesaggio e la cultura delle popolazioni minerarie, creando un ambiente in cui, il fascino della storia, accompagna il visitatore tra le splendide testimonianze di archeologia industriale, in mondi sotterranei e a contatto con la magnifica natura sarda.

    Vecchi villaggi fantasma un tempo abitati dagli operai, pozzi di estrazione, centinaia di chilometri di gallerie, impianti industriali, antiche ferrovie, preziosi archivi documentali e la memoria di generazioni di minatori rendono il Parco un nuovo grande giacimento culturale da scoprire.

    Spesso, su queste pagine, trovate articoli che raccontano la bellezza naturale del nostro territorio: le splendide falesie, i faraglioni calcarei a picco sul mare, le infinite distese di sabbia color oro, le “magiche” cavità carsiche, le selvagge foreste popolate da una grande varietà di specie animali nell’impareggiabile cornice azzurra del mare di Sardegna.

    Nel caso di Montevecchio, invece, è il passaggio degli uomini a costruire un racconto per i visitatori. I siti di archeologia industriale, di interesse scientifico e tecnologico, le gallerie minerarie e i centri di ricerca, documentazione e attività culturali, moderni musei e storici istituti minerari, fanno da corollario ai percorsi turistici ed …

    LEGGI TUTTO

  • Torre dei Corsari, la perla che domina la Costa Verde
    Torre dei Corsari, la perla che domina la Costa VerdeLa località marittima di Torre dei Corsari deve il suo nome dalla Torre di Flumentorgiu, costruita dagli spagnoli nel XVII secolo e utilizzata nei secoli successivi come postazione di avvistamento contro le incursioni (da parte dei pirati saraceni, inizialmente, e poi come postazione di avvistamento militare, poi).

    L’altura su cui sorge il paese di Torre dei Corsari domina la lunga Spiaggia delle Sabbie d’Oro e le sue dune altissime. Le dimensioni del litorale, lungo diversi chilometri e che si estende fino a Pistis, altro centro abitato, permettono ai turisti e ai villeggianti di trovare ampi spazi e privacy anche nei weekend.

    Se vuoi trascorrere una vacanza a Torre dei Corsari hai la possibilità di godere un mare azzurrissimo e cristallino, immerso nella natura selvaggia della Sardegna. Relax e tranquillità, con alcune calette nascoste, come quella di Is Cannisonis, ma anche possibilità di escursioni in bicicletta o a cavallo, snorkeling e windsurf, oppure gite fuori porta verso le bellezze del circondario (Marceddì, Piscinas, Buggerru, Scivu, Cala Domestica, le Grotte di San Giovanni, etc).

    La possibilità per il soggiorno nella Costa Verde sono tante: hotel, B&B oppure una casa vacanza a Torre dei Corsari. Ogni turista ha esigenze differenti e Torre dei Corsari fortunatamente è una cittadina a misura di famiglia, coppie o single in cerca di avventura!

    E tu, che vacanza stai programmando?

    LEGGI TUTTO

  • La Torre di Flumentorgiu
    La Torre di FlumentorgiuLa Torre di Flumentorgiu, che domina dall’alto la spiaggia dalle sabbie dorate di Torre dei Corsari (a cui ha dato il nome), fu costruita durante la dominazione Spagnola verso la fine del XVI secolo, al fine di controllare e prevenire le incursioni marittime dei pirati saraceni.

    Venne catalogata come “torre de armas”: ossia una fortezza in grado di far fronte a qualunque tipo di fuoco navale. Attiva militarmente fino al 1867, contava su di una guarnigione composta da un Alcalde (il comandante), un artigliere e, in base al periodo, tre o più soldati. L’armamento a disposizione comprendeva due cannoni del calibro di “2 x 6” e quattro fucili.

    L’edificio si presenta con una struttura estremamente semplice e priva di elementi decorativi, nel pieno rispetto del modello principale di torre difensiva spagnola che doveva rispondere a canoni di solidità ed economicità. L’interno si caratterizza da un vano centrale dotato di camino per il riscaldamento e la cottura dei cibi e una scala interna alle pareti murarie che conduce alla terrazza o “Piazza d’armi”.

    La Torre di Flumentorgiu è stata oggetto di interventi di restauro nel 1994 e successivamente nel 2007. A tutt’oggi si conserva in buono stato, ed è una meta molto visitata dai turisti che si recano in vacanza in Sardegna.

    LEGGI TUTTO

  • Torre dei Corsari, una vacanza nella Sardegna sud-occidentale
    Torre dei Corsari, una vacanza nella Sardegna sud-occidentaleTorre dei Corsari è una delle località più suggestive della Costa Verde. Il paese sorge alle pendici ovest del Monte Linas e si affaccia su una bellissima spiaggia di fine sabbia dorata, lo spiaggione Sabbie d’Oro, grandi dune che scendono a mare: lo spettacolo è semplicemente mozzafiato. Sul versante opposto, la città offre un panorama roccioso, con scogliere di rara bellezza e qualche caletta nascosta, come quella di Is Cannisonis.

    A Torre dei Corsari trovi tutto quello che serve per la tua vacanza in Sardegna. Bar, ristoranti, pizzerie, alimentari, una farmacia, negozi. Tantissimi operatori offrono esperienze indimenticabili, come le escursioni a cavallo, in bici, lo snorkeling e il windsurf. Se cerchi una vacanza di puro relax, Torre dei Corsari saprà offrirti pomeriggi silenziosi e ventilati, per una lettura in totale pace, ascoltando i suoni e gli odori della Natura. Su tutta la costa sud-ovest della Sardegna crescono infatti piante profumate come ginepri, rosmarini, lentischi e fiori di ogni colore.

    Le nostre case vacanza a Torre dei Corsari sono pensate per offrirti tutto questo: una vista panoramica sul mare, col silenzio offerto dall’alto del crinale della collina su cui si adagiano, a due passi dal mare e da tutti i servizi.

    Prenota ora una delle nostre case e verifica la disponibilità di un’offerta su misura per te!

    LEGGI TUTTO